Come salvare qualcuno da una relazione abusiva

Quasi il 25 per cento delle donne e il 7.6 per cento degli uomini sono stati vittime della violenza domestica, secondo l’American Bar Association. Se qualcuno che conosci sta vivendo la violenza domestica, potresti voler aiutare. Purtroppo, non è possibile salvare qualcuno a meno che non sia disposta a lasciare il rapporto, e a volte la vittima decide di rimanere o di lasciare e restituisce più volte, secondo WomensHealth.gov. Essere pazienti e sostenitori, offrendo assistenza ovunque puoi senza metterti in pericolo il tuo amico o il tuo amico.

Il ciclo di abuso

Molti partner abusati non vogliono lasciare o essere salvati. La vittima spera che l’abusatore continui con la promessa di porre fine all’abuso. Purtroppo, il ciclo di solito inizia ancora. Settimane o mesi potrebbero passare da episodi abusivi, ma la fase pacifica non dura. La tensione crea e l’abusatore diventa frustrato e argomentativo. Il partner abusato cerca di pacificare e lenire l’abusatore. La lotta contro le escalate e gli abusatori schioccano, abusando il partner. L’abusatore giura di non farlo più e accusa le fonti esterne per il blowup. La vittima può amare l’abusatore, perdonando l’abuso e sperando che questa volta si arresti e possano vivere pacificamente e felici insieme.

Scoperta delle esigenze

Parla con il tuo amico di ciò che ha bisogno, come il riparo, il trasporto, la consulenza e l’assistenza medica in modo da poter rimanere al sicuro. Ha bisogno di una destinazione sicura e di programmi di fuga concreti, che potrebbero includere l’evasione di amici e familiari. Compilare denaro, identificazione, documenti assicurativi, atti e titolo dell’auto, prova della violenza, informazioni bancarie, abbigliamento, medicazione, chiavi extra e numeri di telefono importanti. Includere disposizioni per i bambini. Esplora le organizzazioni sopravvissute locali per scoprire quale programma si adatta meglio alle esigenze del tuo amico.

Uscire

Lasciando è il momento più pericoloso nel ciclo di abusi, con conseguente 70 per cento delle lesioni riportate e degli omicidi, secondo un rapporto America Now. Se sceglie di entrare in un rifugio, prenderla lì o in un punto di riposo del rifugio – alcuni rifugi non consentono ai non residenti di conoscere la posizione del rifugio come precauzione di sicurezza. Raccoglietela appena è sicura che l’abusatore sia andato per un lungo periodo di tempo per massimizzare la probabilità che non sarà trovata. Percorsi falsi, come una storia che sta visitando un amico malato, potrebbero mantenere occupato l’abusato mentre stabilisce una nuova casa.

Inizio ancora

Una volta che il tuo amico scappa l’abusatore, suggerisca di ottenere un ordine di fermo e di visitare la stazione di polizia locale per avvisarli della sua situazione. Dovrebbe dire al suo capo e ad altri stretti contatti per non rivelare la sua posizione. Avrà bisogno di un avvocato se lui e l’abusato sono stati sposati. Lui e tutti i bambini potrebbero trarre beneficio dal consiglio di recuperare dagli effetti degli abusi e di identificare bandiere rosse abusive in modo da non entrare in un altro rapporto abusivo. Continuare ad aiutare sostenendo il tuo amico con testi amorevoli e incoraggianti, e telefonate, affermando di aver fatto una scelta saggia per uscire.

Elezione al soggiorno

Se il tuo amico ha troppa paura di partire, fornisca un supporto emotivo assicurandolo della sua preoccupazione e della sua volontà di aiutare. Numeri di offerta per la National Domestic Violence Hotline (1-800-787-3224), la Coalizione Nazionale contro la violenza domestica e le risorse locali per le vittime di violenza domestica. Suggerisci consulenza e partecipazione a gruppi sociali per dare al tuo amico i contatti necessari al di fuori della casa. Accedi con lei e non giudichi la sua scelta. Il tempo potrebbe venire quando è pronta ad accettare la tua offerta di fuga, e più sono preparati, più facile sarà la fuga.