Kung fu contro taekwondo

Kung Fu e Taekwondo sono due delle arti marziali più conosciute praticate in tutto il mondo. Entrambi i sistemi offrono un sano condizionamento fisico e una forte messa a fuoco mentale, ma i loro regimi di addestramento impiegano diversi movimenti, scioperi e filosofie. I movimenti che continuano a scorrere di Kung Fu sono un netto contrasto con i movimenti diretti e affilati di Taekwondo, ma questi stili condividono lo stesso obiettivo di evitare gli attacchi.

Kung Fu è nato in Cina circa 2800 aC. Le arti marziali dicono che il tempio di Shaolin è diventato un santuario per molti ex guerrieri che erano diventati monaci. Kung Fu non è stato originariamente sviluppato al tempio, in quanto diversi stili di combattimento sono stati utilizzati in schermaglie in tutta la Cina, ma ha fatto fiorire lì. Molti dei monaci hanno applicato la loro disciplina spirituale per perfezionare l’arte marziale in modo da poter essere usata per difendere il tempio dai ladri. Taekwondo è nato in Corea circa 5.000 anni fa, ed è ora riconosciuto come lo sport nazionale della Corea del Sud. La Federazione Mondiale Taekwondo afferma che il sistema è stato sviluppato per formare sia la mente che il corpo nell’antico regno di Koguryo.

Kung Fu e Taekwondo utilizzano tecniche di colpo molto diverse. L’Accademia di Austin Kung Fu nota che lo stile cinese impiega numerosi scioperi a mano rapida. Questi possono essere consegnati come fette a mano aperta e pugni di dita, così come pugni fissi. Taekwondo pone maggiore enfasi sul colpire con le gambe, impiegando calci da vari angoli progettati per attaccare le gambe, l’addome, l’osso del collare e la testa di un avversario. Kung Fu include calci e Taekwondo include tecniche manuali, ma in generale Kung Fu si concentra sulla velocità delle mani, mentre Taekwondo si concentra sul potere delle gambe.

Il movimento Kung Fu scorre in modo uniforme, in modo che i combattenti raramente stiano piatta. Il movimento circolare e fluido può rendere i blocchi e gli scioperi apparenti morbidi, ma sono completati con scatti dei polsi e dei gomiti che alimentano il potere. Il forte approccio lineare di Taekwondo è in diretto contrasto con lo stile quasi ballo di Kung Fu. I calci sono spinti con pieno potere da una lunga distanza per mantenere l’avversario a distanza. Ogni singolo attacco di Taekwondo è destinato ad essere un colpo debilitante che può porre fine a un conflitto, mentre Kung Fu combina spesso una serie di brevi colpi per disattivare un avversario.

Kung Fu include tecniche per l’uso di 18 armi specifiche, tra cui l’ascia da combattimento, la lancia, il personale a tre sezioni e la frusta a catena, secondo l’Accademia Austin Kung Fu. Si ritiene che molti strumenti utilizzati per l’agricoltura e la carpenteria siano stati adottati come armi nei tempi antichi. Le armi non sono una parte tradizionale di Taekwondo. Tuttavia, durante i secoli passati, i praticanti di Taekwondo hanno cominciato a formarsi nell’uso del personale bo e del nunchaku a causa dell’influenza dei sistemi di arti marziali giapponesi e Okinawan.

Kung Fu e la storia di Taekwondo

Tecniche colpenti

Stili del movimento

Armi