Sta facendo jogging nel freddo male per te?

Jogging – oltre a tonificare e rafforzare le gambe, migliorare la salute cardiovascolare e ridurre lo stress – brucia più calorie di qualsiasi altra forma di esercizio – in aumento di 1.000 ore in alcune persone. Tuttavia, anche se giri al motore del tuo corpo in maniera impressionante, molti esercitanti hanno preoccupazioni che potrebbe essere dannoso per fare jogging a freddo. Mentre in generale questo è esagerato al meglio, è necessario essere consapevoli di alcuni rischi di freddo-tempo.

Il mito “congelati”

L’idea che correre nel freddo può danneggiare o addirittura congelare i polmoni è persistente, ma erroneo. Secondo il dottor Cathy Fieseler, mentre respiri l’aria fredda, viene velocemente riscaldato alla temperatura corporea mentre passa il tratto respiratorio, a meno che la temperatura sia ben al di sotto dello zero. Secondo il sito web The Runner’s Resource, il muco che allinea il tratto respiratorio contribuisce a questo riscaldamento, spiegando perché il naso tende a correre a freddo. Inoltre, l’assorbimento di sangue insolitamente grande dai polmoni garantisce il loro calore.

Broncospasmo indotto dall’esercizio fisico

Mentre l’aria fredda non provoca danni strutturali nei polmoni, può provocare reazioni indesiderate nel tratto respiratorio. Secondo Len Kravitz dell’Università del Nuovo Messico, non solo i joggers ma anche gli atleti di elite in sport a tempo freddo come hockey, pattinaggio veloce e sci nordico hanno spesso broncospasmo post-esercizio, o congestione delle principali vie aeree ad ogni polmone. Questo è vero in molte persone sane, così come quelle con una diagnosi formale di asma indotta dall’esercizio fisico. Un riscaldamento molto graduale per 15 minuti può aiutare a staccare il broncospasmo.

Frostbite e Wind Burn

Sebbene i potenziali pericoli di aria molto fredda alla pelle esposta possono sembrare ovvie, molti joggers non adottano misure adeguate per proteggere se stessi. Sul sito Running Planet, l’allenatore Rick Morris sottolinea che alcuni joggers sono presi in consapevolezza dalle condizioni di deterioramento rapido perché non si apprezzano le previsioni meteorologiche prima di lasciare la casa e quindi partono sottovalutati. Se vivi in ​​una zona in cui le condizioni possono cambiare rapidamente e forte, il vento improvviso è un fattore, assicurarsi di sovraccaricare piuttosto che sottoveste per evitare danni alla pelle, in particolare al viso e alle dita.

Vari pericoli invernali

Se fai un sacco di corsa nel freddo, incontrare certi rischi ambientali è tutto inevitabile. Il ghiaccio nero ha causato molti un jogger a prendere una rottura ruvida, con lesioni alle ginocchia e ai gomiti un risultato tipico. Se si esegue su strade innevate, il tuo cammino cambia sottilmente e con ogni passo si rischia di incorrere in tendiniti o altri danni alle gambe a causa dello spostamento della tua biomeccanica. Consultare un catalogo di marcia in esecuzione per articoli che possono aiutare a evitare le insidie ​​dell’inverno.